Novità sull’innovazione – Trocellen prende parte al foam MRS reactor project

Trocellen è molto fiera di essere partner cooperativo del foam MRS reactor project supportato dall’Unione Europea e dallo stato della Renania Settentrionale-Vestfalia.

La trasformazione della plastica in schiuma rappresenta una tecnologia chiave per il miglioramento dell’efficienza delle risorse attraverso l’attivazione dei risparmi sui materiali durante la produzione (risparmi in nuovi materiali vergini attraverso la riduzione di densità) e l’applicazione (risparmi nell’energia per il riscaldamento attraverso l’isolamento; risparmio di carburante tramite la costruzione di automobili con materiali leggeri).

Scopo principale del progetto comune ‘’Foam MRS Reactor’’ è quello di sviluppare un’unità per la modifica reattiva disgiunta della plastica da integrare nel processo di estrusione della schiuma. La modifica reattiva controllata permette la regolazione delle proprietà di fusione che interessano il processo e le proprietà schiumogeni Separando le fasi del processo, il reattore MRS permette di operare in modalità disgiunta dal restante processo. Questo rende possibile aggiornare favorevolmente l’apparecchiatura esistente e la sua integrazione nelle catene di lavorazione esistenti. L’applicazione della tecnologia dei sistemi da sviluppare è esaminata sulla base degli esempi di schiuma PET per imballaggi alimentari e schiuma PE chimicamente reticolata (incluso il settore automobilistico).

La tecnologia di produzione desiderata permette una produzione di prodotti in schiuma customizzati, efficiente in termini di risorse, dove la modifica dei materiali è inglobata nel processo produttivo e dove le catene di lavorazione multistadio vengono sostituite. Il consorzio del progetto copre l’intera catena di valore aggiunto, dai materiali realizzati con la tecnologia dei macchinari e l’ingegneria di processo fino agli esempi di prodotto. In questo contesto sono realizzati innanzitutto i requisiti di base per l’ingegneria meccanica (Fraunhofer UMSICHT); poi, su questa base, viene valutato e fabbricato il primo prototipo di un reattore (Gneuss), che sarà poi testato in laboratorio (IKV). Qui, le schiume prodotte in laboratorio sono testate dai produttori (Trocellen, Inde Plastik). In base ai risultati acquisiti, verrà disegnato e prodotto un reattore pilota (Gneuss), poi testato dai produttori di plastica (Inde Plastik). Oltre alla macchina, sono necessari anche gli additivi, sviluppati con esperimenti base (UMSICHT) prima di essere composti su scala industriale (A. Schulman).

Integrando la fase di finitura materiale con il processo di estrusione, questa fase della creazione di valore è spostata dal produttore di materie prime (gruppi aziendali globali) al processore (PMI regionali).

Questo progetto è finanziato dall’Unione Europea e dallo stato della Renania Settentrionale-Vestfalia.